FCA rivoluziona la vendita: il concessionario è digitale

Cambia il mercato dell’automobile, sia per le esigenze dei consumatori che per le modalità e i luoghi delle compravendite. Ad oggi sappiamo che ogni acquisto, anche quello di automobili ancora legato a luoghi ben predefiniti come gli autosaloni, inizia dal web, con la ricerca e la configurazione dei modelli più adatti, sia per il nuovo che per l’usato.

FCA fa un ulteriore passo avanti, destrutturando un luogo ancora sacro per il mercato delle auto, ovvero il concessionario. Nel futuro del gruppo, gli autosaloni sono digitali, con esperienza di prova in realtà virtuale, preventivi su tablet e - eventualmente - anche l’acquisto.

FCA, a Mirafiori l’autosalone è digitale

La novità è stata lanciata presso il Motor Village di Mirafiori, il più grande rivenditore FCA in Europa e si chiama Motor Village Digital Store.

Il manager che sta curando il nuovo modo di comprare auto, Massimo Dallara, ha spiegato che con questo sistema migliorerà l’esperienza dei clienti presso il concessionario, aggiungendo divertimento e funzionalità e senza sottrarre nulla. Se infatti un cliente, dopo la prova virtuale, volesse fare un vero e proprio test drive, non dovrà fare altro che chiederlo al rivenditore.

L’acquisto, dopo le varie prove digitali, non è obbligatorio, ma a breve il sistema consentirà anche la consegna a domicilio dell’auto.

Obiettivo: incrementare e diversificare le vendite

L’obiettivo di FCA non è tanto quello di far divertire i propri clienti con uno store digitale, ma quello di avvicinarli all’autosalone per aumentare gli acquisti. Si stima infatti che ogni anno circa 200 automobili saranno acquistate in questo nuovo modo.

Come si può vedere dalla foto, la novità vale sia per chi acquista Fiat che per chi acquista Jeep, Alfa Romeo, Lancia e Abarth, e punta a mantenere alti i volumi di vendita del gruppo in Italia, che dal mese di marzo è uscito notevolmente ridotto, nonostante ogni anno le utilitarie siano sempre tra le più vendute, come Panda e 500, quest’ultima è anche un successo all’estero.


www.money.it